Banca Dati Suoli LOSAN :: Scheda Fase di Serie

 
Scheda Fase di Serie
Sigla MDL1
Nome MANDELLINA Franco sabbiosa
Serie MDL
UnitÓ cartografiche 129 (MDL1).
Descrizione generale della serie I suoli MDL presentano topsoil spesso in media 30 cm, con colori bruno grigiastro scuri, scheletro comune o scarso, tessitura franca o franco sabbiosa, scarsamente o non calcareo, reazione subalcalina Il subsoil Ŕ costituito da orizzonti profondi spessi 25 cm, con colori bruno scuri, scheletro frequente od abbondante, tessitura franco sabbiosa, reazione subalcalina, scarsamente o non calcareo; Substrato ghiaioso sabbioso di natura calcarea a partire da 80 cm.
Caratteri specifici
Morfologia Terrazzi fluviali a morfologia lievemente ondulata che coincidono spesso con paleoalvei
Drenaggio Lento
PermeabilitÓ Moderatamente bassa
Parent material Ciottoli e ghiaia di natura fluviale
Distribuzione Sud-Ovest di Treviglio 400 Ha
Sito tipo Comune di Casirate d'Adda, a Sud di Cascina Mandellina nei pressi della Roggia Moia.
Caratteristiche degli orizzonti
Gli orizzonti Ap hanno spessore 30 cm; colore matrice umido 10YR con value da 3 a 4 e chroma da 2 a 3; struttura poliedrica subangolare, da media a grande; classe tessiturale franco sabbiosa; scheletro da comune a frequente, molto piccolo.
Gli orizzonti Bw hanno limite superiore 30 cm e spessore 15 cm; colore matrice umido 7.5YR 4/4; screziature 2.5YR 4/2, abbondanti, piccole; struttura poliedrica angolare, grande; classe tessiturale franco sabbioso argillosa; scheletro abbondante, molto piccolo.
Gli orizzonti C hanno limite superiore 45 cm; colore matrice umido 2.5YR 5/3; screziature 10YR 5/6, scarse, estremamente piccole; classe tessiturale franco sabbiosa; scheletro da abbondante a molto abbondante, molto piccolo.
ProprietÓ applicative
I suoli MDL1 sono adatti all'agricoltura (IIIw), presentando tuttavia severe limitazioni, legate alla presenza di acqua nel profilo, tali da ridurre la scelta delle colture e da richiedere speciali pratiche conservative; sono adatti allo spandimento dei reflui zootecnici (S2d), con lievi limitazioni dovute alla presenza di falda, alla granulometria e all'inondabilitÓ, e presentano problemi gestionali legati al drenaggio; sono adatti allo spandimento dei fanghi di depurazione (S3), con moderate limitazioni connesse alla granulometria e alla CSC; hanno capacitÓ protettiva moderata (M) nei confronti delle acque superficiali per limitazioni legate al comportamento idrologico, e bassa (B) nei confronti di quelle sotterranee per limitazioni dovute alla permeabilitÓ e alla presenza di falda; il loro valore naturalistico Ŕ basso (B).

Profilo di riferimento della Fase di Serie
Codice profilo P22/27